Non c’è cosa più importante

5 novembre 2010

Ti verrebbe da rispondere: ma c’è la gente che muore di fame, possibile perdere tempo a pensare a queste cazzate?

Il rapporto tra l’evoluzione della specie e i funghi allucinogeni. Cazzate. Il rapporto tra la politica e la droga. Cazzate? Il rapporto tra lo sviluppo di un certo tipo di società e il rapporto che la società stessa ha con la droga. Uhm.

Poi siccome sei in autobus e il viaggio dura 40 minuti ci pensi.

Il mio interlocutore, profeta di una “revolution” a dir poco psichedelica mi invita a riflettere: l’idea che le sostanza psicotrope vadano usate per sballarsi è tutta nostra, mentre in altri contesti esse vengono utilizzate da specialisti che adirittura giungono a consapevolezze superiori.

Cerco similitudini per chiarire qualcosa che vagamente mi balena in testa. Il lavoro: una società si costruisce attorno a un modello di lavoro. Potrebbe lavorare il tanto che basta a vivere, invece la nostra sceglie di rendere ostaggi del lavoro i suoi membri, in modo da perpetrare il dominio dei ricchi sui poveri. È una scelta che abbraccia un modello e ne esclude un altro, segna delle tracce e delle direzioni. Tutto si adatta in maniera reciproca. Anche lo sballo, che serve a non pensare che stai lavorando per produrre cose inutili che comprerai.

104 minuti di porno. Sono tanti. Nella rassagna sul cinema di genere vengono proiettati 104 minuti di porno post-femminista.

Ti verrebbe da dire: ma non c’era niente di più importante? Non potevano proiettare un film sulla distinzione di genere in zone di conflitto? C’è la gente che muore di guerra!

Poi pensi. L’uomo e la donna hanno bisogno di vivere bene la propria sessualità. La frustrazione sessuale, i tabù che ci imponiamo in che rapporto stanno con la conflittualità? In che rapporto stanno il sesso e la politica?

Parentesi. Si arriva sempre a delle domande in cui i politici fanno una cosa che tendenzialmente poi vietano agli altri tramite le leggi. Chiusa parentesi.

C’è bisogno del porno per non pensare al fatto che si lavora tutto il giorno per produrre cose inutili che poi comprerai e non c’è mai tepo per coltivare la propria personalità e le proprie passioni. Quindi c’è bisogno di porno per sostituire la vita sessuale insoddisfacente che la tua scarsa capacità di avere relazioni comporta, e poi sballarsi per non pensare a tutto questo.

Gli uomini primitivi hanno preso per sbaglio un fungo allucinoceno e il cervello si è espanso. L’evoluzione della specie è andata così.

La mia razionalità mi imporrebbe di pensare che in un contesto competitivo e di sussistenza grazie alla caccia e alla raccolta se uno si sbaglia/sballa ci rimane secco.

Ma io sbaglio. Perchè bisogna lasciare libertà alla fantasia e libertà alle passioni. Tutte le passioni hanno la stessa dignità. Salvare i bambini (Savethechildren!) o emergere (Emergency) non sono più importanti della “revolution allucinogena” e del porno post-femminista o femminiello di provocazione. A ognuno la sua lotta. Uomini e donne pacificati col proprio essere e il proprio esistere non possono fare la guerra.

Io credo che non possano.

Annunci

7 Risposte to “Non c’è cosa più importante”

  1. sanalamucca said

    la guerra nasce proprio dalla differenza di genere. se fossimo tutti asessuati ci fregherebbe punto di conquistare posizioni occupate da altri. è sempre questione di desiderio da soddisfare.

    il porno mi annoia. anche la canzonetta pop porno dopo un po’ mi annoia. anche la droga. è una cosa noiosa. molto.

    sullo sballo il tuo interlocutore un po’ fa confusione. lo sballo, in fondo, cos’è? noi parliamo di sballo ma non è una deformazione semantica? io temo, penso, credo, che sia l’occidente inteso come sistema filosofico esistenziale ad aver smarrito le proprie radici e il controllo di sè. la droga vale come la televisione, l’alcool, le sigarette o una dipendenza qualsiasi da qualsiasi altra cosa (anche collezionare francobolli o tappini di birra è una dipendenza).

  2. ok. proviamo a trasformare la differenza in ricchezza e non in conflitto.

    l’occidente come sistema filosofico secondo me non ha smarrito le radici e il controllo, ma è proprio contraddittorio in sè. Come dicevo in altri post è proprio il voler mettere ordine dove l’ordine non esiste che crea la deformazione “sballo”. Le cose che non trovano giustificazione e che sono pericolose, come la FOLLIA o il SESSO vengono ostracizzate, rese illegali, messe in fuorigioco.

  3. Ginetto said

    Il tuo profeta è fulminato, voleva farmi drogare i miei bimbi di calcio di nove anni con dei finghetti, smettiamola di dargli corda. Please, not hard to please.

    • Giusto non dare corda a cose palesemente demenziali e dannose, come drogare i bambini. Sbagliato, a mio parere, prendere per demenziale ogni cosa detta da uno svitato o comunque non prendere spunto per un regionamento serio da una cazzata. Era un po’ il senso del mio post alla fine.

  4. Ginetto said

    Passaci più tempo insieme Antonio, ti ho già fatto questo discorso altre volte:la vita non è estrapolare 20 minuti a destra e 20 minuti a sinistra, ma se si sceglie di fare un’esperienza va fatta fino in fondo: scegli di passarci insieme una giornata intera come è capitato a me, poi ne riparliamo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: