Noiosissimo continuo – lo spavento

20 ottobre 2010

E per caso nei miei studi sulla crisi della modernità mi imbatto in Carl Schmitt, il quale mi viene incontro, anzi, mi viene contro e sostiene che la politica (e non l’idea di legalità come avevo detto io senza molto senso) trascende la LEGGE.
Nello stato moderno (parliamo di come lo vedeva Schmitt nel 1925, quindi prima di tangentopoli) la politica viene ridotta alla norma, alla legge, che deriva dal dialogo razionale tra rappresentanti dei singoli individui (parlamento).
In realtà proprio all’inizio dell’epoca che viene considerata “moderna” Hobbes, nel declinare lo stato in questi stessi termini ne poneva contemporaneamente l’origine nell’assenza totale e radicale di ordine, quindi nella necessità di darsi ordine.
Ma Schmitt aggiunge un particolare: la SOVRANITA’ è il poter decidere nello stato di eccezione, il decidere sull’ECCEZIONE.
Secondo Hobbes il sovrano è il Leviatano, cioè il depositario del potere che tutti decidono di alienarsi per garantirsi la vita e il libero commercio, ed esso (il Leviatano) pone la legge, cioè la norma e quindi lo stato di normalità.
Quindi Hobbes aveva capito il meccanismo segreto della politica che la modernità cerca invano, a partire dallo stesso Hobbes, di nascondere con la razionalità e col parlamentarismo: la politica è conflitto, la vita è un casino, niente è razionale e l’ordine non esiste, bisogna imporlo con una decisione sovrana e per certi aspetti eroica.
Mi sono perso nel discorso quindi rileggo le ultime tre righe e mi spavento molto.
Poi mi ricordo quello che volevo dire: se vogliamo superare la crisi dello Stato moderno, che è un vicolo cieco pieno di contraddizioni, dobbiamo guardare oltre, guardare al cuore del suo segreto, che in realtà rileggendo le parole che ho scritto in maiuscolo si può capire che segreto in fondo non è. Poteva esserlo per Schmitt ma noi abbiamo Berlusconi e Alfano quindi si capisce già che la politica va ben oltre la legge.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: